+
quiz CCNL

quiz CCNL

Author: luca revello
See More
Try a College Course Free

Sophia’s self-paced online courses are a great way to save time and money as you earn credits eligible for transfer to over 2,000 colleges and universities.*

Begin Free Trial
No credit card required

25 Sophia partners guarantee credit transfer.

221 Institutions have accepted or given pre-approval for credit transfer.

* The American Council on Education's College Credit Recommendation Service (ACE Credit®) has evaluated and recommended college credit for 20 of Sophia’s online courses. More than 2,000 colleges and universities consider ACE CREDIT recommendations in determining the applicability to their course and degree programs.

Tutorial

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE dei LAVORATORI (C.C.N.L.)

Contratto Collettivo Nazionale dei Lavoratori (C.C.N.L.)

Il C.C.N.L. definisce le principali regole che i lavoratori e le aziende di un determinato settore devono seguire. E’ stipulato fra i rappresentanti dei datori di lavoro e i rappresentanti dei lavoratori della medesima categoria a livello nazionale, locale o aziendale. Nasce dalla contrattazione collettiva, vale a dire un accordo firmato e sottoscritto dai rappresentanti dei datori di lavoro (Confartigianato, Confindustria, Confesercenti, Confcommercio, Confcooperative, Federmeccanica, Confagricoltura, API, Conftrasporto, Assintel, ecc…) e dai Sindacati che rappresentano i lavoratori nelle varie categorie (C.G.I.L., U.I.L., C.I.S.L., ecc…) e vincola la contrattazione individuale. Questo significa che, quasi sempre, datore di lavoro e lavoratore nel costruire un nuovo contratto di lavoro subordinato sono vincolati da norme e da contratti standard specifici per le diverse categorie di lavoro.

Il contratto individuale è invece quello che viene stipulato tra datore di lavoro e singolo lavoratore.

Nella Contrattazione aziendale o individuale POSSONO ESSERE MODIFICATE LE CONDIZIONI previste dal CCNL SOLO ED ECLUSIVAMENTE A FAVORE DEL LAVORATORE.

In una contrattazione vengono discusse:

Retribuzione
Orario
Inquadramento dei diversi livelli professionali
Formazione
Sicurezza
Ferie
Permessi
Premi
Indennità
Periodo di prova
TFR
Mensilità aggiuntive
Durata
Norme disciplinari

 

Retribuzione

Viene definita la paga base del lavoratore in funzione dell’inquadramento dei diversi livelli professionali e dalle ore settimanali svolte. Lo stipendio viene sempre indicato comprensivo dei contributi (lordo) ed è molto difficile calcolare con esattezza il netto essendo i contributi nazionali, regionali, provinciali, comunali e personali.

Orario
Viene definito il monte ore del tempo pieno (che non necessariamente è 40 ore) e le tipologie di orario (giornaliero, turni, ecc..) che determinano le maggiorazioni degli straordinari e le pause.

Ricorda che il Part-time non è metà del tempo pieno ma una riduzione (potrebbe essere di una sola ora o di una meno del tempo pieno), infatti non viene indicato il numero di ore ma la percentuale rispetto al tempo pieno.

Inquadramento dei diversi livelli professionali

In funzione del tipo di lavoro svolto (Mansione) ogni lavoratore è inserito con un determinato ruolo (Qualifica)

Formazione

Ogni lavoratore ha diritto a ricevere una formazione per accrescere le proprie competenze. Vengono definite le ore di formazione annuale che l’azienda deve prevedere per ogni dipendente in base al ruolo ricoperto in azienda.

Sicurezza

In base al tipo di lavoro vengono definite le norme di sicurezza e i D.P.I. necessari e obbligatori.

Ferie

Vengono specificate le ore maturate in funzione delle ore lavorate. Le ferie NON vanno giustificate e devono essere esaurite entro un anno dalla maturazione.

Permessi
Vengono specificate le ore maturate in funzione delle ore lavorate. I Permessi DEVONO essere giustificati. Possono essere utilizzati per visite ed interventi medici; per esami scolastici, della patente; per lutti di parenti diretti; ecc… Non sono necessariamente esauriti.

Premi
Possono essere previsti aumenti di denaro, riduzioni orarie, buoni acquisto, ecc… a livello personale o aziendale per il raggiungimento di obbiettivi o in generale per prestazioni diverse rispetto a quelle previste.

Indennità
sono compensazion di varia natura (economica, oraria o di altro tipo) di condizioni negative. Esempi sono le Indennità per le lavorazioni nocive, indennità di cassa, ecc….

Periodo di prova
Ogni nuovo rapporto di lavoro prevede un periodo di prova la cui durata è proporzionale alla durata del contratto e al tipo di lavoro. Durante questo periodo sia l’azienda che il lavoratore può interrompere il rapporto senza preavviso, senza motivazione e senza conseguenze economiche.

TFR
Il Trattamento di fine rapporto, comunemente chiamato liquidazione, è una somma economica che viene corrisposta al lavoratore quando cessa il rapporto di lavoro e corrisponde all’incirca ad uno stipendio per ogni anno lavorato.

Mensilità Aggiuntive
Sono la tredicesima  (corrisposta a dicembre), eventualmente la quattordicesima (corrisposta a luglio) e la quindicesima (ormai quasi scomparsa nella maggior parte dei settori).

Durata
Nella contrattazione individuale viene definita la durata del rapporto di lavoro che viene riportata anche sul contratto. Se è indicata la data specifica di fine rapporto, il contratto è A TEMPO DETERMINATO e ha una scadenza. Se non è prevista una fine al contratto si dice A TEMPO INDETERMINATO.

Norme disciplinari